copertina articolo OpenAI + Apple

OpenAI + Apple: cosa sapere

La partnership tra OpenAI ed Apple annunciata nella prima metà di giugno introduce un'integrazione delle IA generative nelle funzionalità di base di Apple come Siri e gli strumenti di scrittura. Un'evoluzione dei dispositivi Apple, senza dubbio, che farà contenti milioni di utenti italiani... Ma le implicazioni per la privacy?
25 Giugno 2024

Apple e OpenAI hanno annunciato una partnership importante, svelata durante la Worldwide Developer Conference (WWDC) 2024. La collaborazione sostanzialmente consiste nell’integrazione di ChatGPT nei sistemi operativi di Apple, inclusi iOS, iPadOS e macOS. Quindi gli utenti Apple potranno utilizzare le funzioni di ChatGPT in maniera diretta nelle applicazioni di Apple.

Una notizia quindi che ha diverse implicazioni funzionali, tra le quali una rivoluzione d’utilizzo dei dispositivi Apple: ma quali sono le implicazioni a livello dell’utilizzo dei dati? Cosa dobbiamo aspettarci?

Prima vediamo quali sono i punti salienti di questa partnership. Dopo risponderemo a queste domande.

logo OpenAI
Crediti: OpenAI

I punti salienti della partnership tra OpenAI e Apple

Innanzitutto si prospettano funzionalità avanzate di Siri. L’assistente virtuale di Apple quindi utilizzerà ChatGPT per fornire risposte più naturali e contestualmente rilevanti. Ad esempio, gli utenti potranno chiedere a Siri di generare contenuti, rispondere a domande e svolgere compiti che richiedono una comprensione più profonda e interattiva​​.

L’intelligenza artificiale di punta di OpenAI ancora sarà integrata negli strumenti di scrittura di Apple. Grazie a questa implementazione gli utenti potranno generare e modificare contenuti. Questo vale anche per DALL-E, ovvero il generatore di immagini di OpenAI.

Infine Apple ha introdotto “Apple Intelligence“, che migliora le capacità di ricerca di foto e video. Questa funzione consente la creazione di “memorie” creando narrazioni dalle foto e video degli utenti.

Anche questa funzione si integra a Siri, migliorandone ulteriormente le capacità di comprensione ed elaborazione.

logo apple partnership OpenAI
Crediti: Apple

E per quanto riguarda la privacy?

In Italia circa il 31,47% degli utenti di smartphone utilizzano dispositivi Apple. Parliamo di più di 16 milioni di persone. Una mole enorme di dati personali e non che potrebbero essere utilizzati per indagini di mercato a scopi pubblicitari e per addestrare le IA. Da qui nasce la necessità di capire bene quali sono le implicazioni da un punto di vista della privacy e dopo trovare le condizioni poste da Apple, da OpenAI e quali sono le regolamentazioni a cui devono attenersi.

Le criticità potrebbero riguardare la raccolta e l’utilizzo dei dati senza consenso esplicito, l’esposizione di dati personali sensibili a causa di un’inadeguata protezione informatica e la possibilità di bias pregiudizievoli nei modelli di IA.

A quanto dichiarato da Apple e OpenAI, le richieste degli utenti a ChatGPT non vengono memorizzate e gli indirizzi IP vengono oscurati. Gli utenti quindi possono scegliere di collegare i loro account ChatGPT per accedere a funzionalità personalizzate mantenendo le loro preferenze sui dati.

Per trovare tutto a riguardo vi linkiamo le privacy policy di Apple, OpenAI e le regolamentazioni ufficiali previste dal GDPR.

Condividi
Condividi
logo kilobit web agency torino

Noi di Kilobit siamo una rete di professionisti con esperienza nella programmazione, nel marketing digitale, nella realizzazione di prodotti multimediali e nella stesura di contenuti in chiave SEO.

Mettiamo a disposizione la nostra decennale esperienza nei vari settori per un servizio personalizzato a 360°. Abbiamo gli strumenti adatti a far approdare e decollare la tua impresa sul web.

Tel. 0110268815
info@kilobit.it
Via Luigi Cibrario, 40 10144 TORINO

Forse potrebbero interessarti anche

Affidati ai nostri esperti

Il preventivo da noi è sempre gratuito.

Dai un'occhiata al nostro portfolio

Seguici sui nostri social

Tags: